martedì 10 gennaio 2012

MAGARI COL MONOPATINO IN AMERICA VOIO 'NDAR...

Bondì, mularia mata...

Oggi vi propongo un altra nota canzone triestina, MAGARI COL MONOPATINO!
Un simpatico testo popolare, nato nel 1932 in occasione delle Olimpiadi di Los Angeles, alorquando la Societa Canottieri Pullino d'Isola d'Istria fu battuta, all'ultimo momento, dalla Libertas di Capodistria.
Dopo quest'inaspettata sconfitta, la partecipazione all'Olimpiade fu irrimediabilmente compromessa, offrendo però lo spunto per la nascita di questo canto popolare, molto apprezzato ancor oggi. Canto che si diffuse rapidamente nei dintorni, soprattutto a Trieste, dove divenne una delle canzoni più radicate nel vasto repertorio popolare cittadino.
Il "bacolo" è lo scarafaggio. Per "caro de Zimolo", s'intende il carro funebre della ultrasecolare ditta Zimolo.
Il canto è conosciuto anche con il sottotitolo "America, America, America"!

Qui di seguito, vi propongo un mio pupolo del 2001, sempre ispirato alla popolare manifestazione cittadina "La Bavisela", come già fatto l'altra volta, CLICCANDO QUI

Anche questo pupolo, ahimé, soffre di una cattiva qualità grafica, causa il solito scanner stravecchio. Quindi, come per il disegno precedente sempre dedicato alla maratona Bavisela, anche questo lo pubblico per intero, e poi per vignette singole spezzettate ed ingrandite un po'.

Quest'altra edizione "speciale" della Bavisela, raffigurata nei miei pupoli, era ambientata sul Molo San Carlo (molo audace, per i foresti... :D ). Si può intravedere il patron Franco Bandelli. Si possono intravedere i soliti personaggi, come Paolin Paperin, Pilat, ed altri personaggi, sia realistici, sia di fantasia. Si vede pure "el caro de Zimolo"!...
Insomma, il solito helzapoppin grafico!!!! (come al solito, cliccando sopra i pupoli, potete visualizzarli in grande):

Edizione speciale della popolare maratona d'Europa Bavisela 2001 - Sotto lo sguardo vigile del patron Franco Bandelli, numerosi concorrenti devono compiere la tratta transcontinentale Trieste-New York, via mare e/o via aerea, partendo dal molo San Carlo di Trieste. Qualsiasi mezzo di trasporto lecito od illecito è consentito. Il premio per chi giungerà primo il traguardo (porto di Manhattan - NY), consiste in un rifornimento ventennale di vino e salumi vari + una raccolta di audiocassette di Lorenzo Pilat!
Paolin Paperin (papero triestin), parte dal molo col suo monopattino, seguito dai suoi nipotini Mis, Muss e Mass. Di fronte a lui Gaston Fortunela Paperon, mentre sorretto da alcuni fili attaccati alle zampe di alcuni gabbiani, vola a profusione, verso New York. Alla sinistra possiamo vedere un membro dello staff a caval di un bacolo, e ancor più a sinistra, l'ex Ass. ai lavori pubblici del Comune di TS (nel 2001), a bordo del Stagnaco II°. Poco più avanti, a bordo di una chiatta trasportata da un rimorchiatore della Tripcovich, possiamo vedere "el caro de Zimolo"...


Altri partecipanti... possiamo vedere Archimede Stroligolico (con il fido assistente Edi), il dott. Enigm, ecc...
Qui, in primo piano na legera marza de Trieste, a bordo di un deltaplano. Sulla destra, a bordo di un Messerschmitt della II° Guerra Mondiale, possiamo notare Lorenzo Pilat, mentre intona la sua "Finanziere". Poi, un sosia di Elvis, Dumbo, Pietro Stramaza Gambadilegno, ecc...
Il patron Franco Bandelli, accanto al Primo Premio. Accanto, sulla destra, alcune telecamere di note emittenti nazionali e locali, come la Rai, Telequattro, Telelecco...


Vi propongo pure un videoslide, sempre con i miei pupoli, contenente una verace interpretazione di Lorenzo Pilat (con simpaticissimo finale a sorpresa, aggiunto di recente all'incisione originaria del 1975), assieme ai suoi musicisti-coristi dei gruppi "Calibro 45" e "Bora Bora".

video




Alla prossima... =)



     René

2 commenti:

Anonimo ha detto...

go aprezzado tanto la vostra iniziativa

René ha detto...

Grazie!

Un saludo

Posta un commento

Accetto tutti i commenti di tutti i visitatori. Richiedo solo un po' di sana "etichetta": niente volgarità gratuite, niente insulti, niente polemiche e/o insulti a sfondo politico/religioso/razziale.
Inoltre, devo approvare i commenti prima della pubblicazione sul blog, solo per evitare spam e troll.
Infine, in questo blog non sono graditi commenti anonimi, provocatori oppure offensivi. Esiste la libertà di opinione e critica alle tesi espresse ma la si esercita firmandosi (va bene anche un nick) e, come già detto poc'anzi, con educazione.