giovedì 16 agosto 2012

PENSANDO AD ELVIS - 35 (16 agosto 1977 - 16 agosto 2012)

Bondì, mularia mata...

Un fuori tema doveroso, per ricordare un grande... il più grande performer musicale mai esistito, e che proprio oggi, 35 anni fa, ci lasciava a soli 42 anni.


42 anni... un'età fin troppo giovane, nonostante la maturità che esprime.
Ma a volte la maturità può lasciar spazio, senza volere, ad una timida ingenuità segnata dagli eventi... in questo caso, degli eventi fin troppo grandi per un bravo ragazzo che è partito come un novello folk-singer per approdare poi, in brevissimo tempo, ai vertici mondiali del successo planetario, scavalcando tutte le classifiche e le mode del tempo, divenendo egli stesso un'icona, come Marilyn, Brando ed altri.



ELVIS ARON PRESLEY 

Un giovanotto di professione camionista, che un giorno entra in un ex garage adibito a studio di registrazione... il mitico SUN STUDIO di Memphis, Tennessee! Qui registra un disco da regalare alla mamma, per il suo compleanno. Sam Philips, gestore degli Studio's Sun, lo nota e dopo avergli fatto incidere svariate demo, lo porta al successo immediato con un brano leggendario: THAT'S ALL RIGHT MAMA! Un vecchio blues di Arthur "Big Boy" Crudup, cantato e suonato però in maniera del tutto non convenzionale, con uno stile ed una grinta da afro che mancava alla musica bianca.




Successivamente, come detto, quel giovanotto vestito sempre strampalato ma dall'innegabile, favoloso talento, diventa un'icona anche grazie alla sua stessa, carismatica figura!



Negli anni, la carriera di Presley conoscerà momenti di alti e bassi, come tutti, ma sempre rimanendo ai meritati vertici di un ineguagliabile talento vocale ed espressivo.







Tom Jones (uno dei più cari amici di Elvis), Priscilla Beaueliu (moglie di Elvis) e lo stesso Elvis, in un camerino dell'hotel Hilton di Las Vegas, nell'estate del 1969 (click sull'immagine per ingrandire)


Adesso, dopo 35 passati dalla sua dipartita, io che l'ho sempre ammirato fin da piccino voglio rendergli un piccolo omaggio, postando qualche videoslide musicale tratto da youtube. Non sceglierò le "solite canzoni", ma qualche brano particolare e sempre diverso nello stile, proprio per sottolineare la sua grande duttilità nel passare da un genere all'altro, con una semplicità, sicurezza e facilità disarmante!

E allora culliamoci ancora una volta con questa splendida voce, ora dolcissima e rassicurante, poi romantica e poi aggressiva come una tigre appena uscita dalla gabbia.

Comincio con un brano del primissimo periodo... un brano carico del tipico effetto eco anni '50. Un brano che ci porta a quei favolosi anni '50 così carichi di fascino, di speranza e di tanta, tantissima creatività, non solo musicale. Il brano è TOMORROW NIGHT:

Continuiamo con un bellissimo blues di Lowell Fulsom, RECONSIDER BABY, inciso da Elvis nel 1960, subito dopo il ritorno dal servizio militare in Germania. Da notare soprattutto i bravissimi musicisti che accompagnano Elvis, primo fra tutti il sassofonista Boots Randolph:
Elvis canta in italiano!! E lo fa benissimo in questa sua breve ma intensa versione di un bellissimo classico partenopeo, SANTA LUCIA:
  Un soffio di dolcezza inusitata insita nella meravigliosa THERE'S ALWAYS ME:
  Questa, invece, è una bellissima cover di un successo di Bob Dylan, TOMORROW IS A LONG TIME:
Adesso si va a Las Vegas, nel 1969, per una stupenda versione live di uno dei suoi cavalli di battaglia... SUSPICIOUS MINDS:
Un po' di country, con questo ottimo I REALLY DON'T WANT TO KNOW:
 Infine, un salto dritti dritti a quel triste 1977, ad uno degli ultimi concerti tenuti pochissimo tempo prima della sua scomparsa. Un Elvis in cattive condizioni di salute riesce comunque a dimostrare la sua potentissima forza interpretativa, con una voce ancora emozionante... e questo brano scelto è praticamente il suo testamento... MY WAY, scritta da Paul Anka e portata al successo da Frank Sinatra. Una struggente interpretazione da pelle d'oca, eseguita da un grande Artista forse ormai cosciente di essere arrivato alle battute finali di una vita comunque vissuta quasi sempre in Pole Position:
Con questa stupenda e triste interpretazione di un Elvis sempre numero uno, vi saluto e vi do' appuntamento alla prossima. Lasciatemi ancora ringraziare il mio amico Elvis... sì, perché io lo sento come un vero amico, di quelli che ti accompagnano per mano nelle fasi più importanti della vita, siano esse belle e meno belle. Questa è la mia colonna sonora del cuore. Questo è il mio amico che appena mi sento un po' giù viene a tirarmi una pacca sulla spalla, per poi invitarmi a cantare con lui, cambiando in meglio ogni momento un po' storto. CIAO, ELVIS !     René

1 commento:

gocciadiluna ha detto...

sei mitici Renè, hai fatto una bellissima recensione! grazie!

Posta un commento

Accetto tutti i commenti di tutti i visitatori. Richiedo solo un po' di sana "etichetta": niente volgarità gratuite, niente insulti, niente polemiche e/o insulti a sfondo politico/religioso/razziale.
Inoltre, devo approvare i commenti prima della pubblicazione sul blog, solo per evitare spam e troll.
Infine, in questo blog non sono graditi commenti anonimi, provocatori oppure offensivi. Esiste la libertà di opinione e critica alle tesi espresse ma la si esercita firmandosi (va bene anche un nick) e, come già detto poc'anzi, con educazione.