domenica 25 gennaio 2015

EL PLUZER - ANTICO E PRATICISSIMO RIMEDIO CONTRO IL FREDDO DI TRIESTE !!!



Bondì a tute e a tuti, triestine e triestini, oriundi e lunari, marziani, venusiani, coloncoveziani, ecc...

Go scuminzia’ in triestin, ala stessa maniera de come gavevo scuminzia’ na vecia rubrica.

Rubrica de cossa? Del telefono?

Ma no!, Rubrica dedicada a Trieste, ale sue curiosità, monade, e chi più ga più ne meti...

El titolo dela rubrica iera "Cronache dal mezanin", e la xe stada ospitada sule pagine del quotidian online “triesteprima” de lorenzo giorgi (che ringrazio).

Dopo tanti fora tema (esercitazioni mie de disegno/pupoli vari), desso xe riva’ el momento de tornar a ciacolar dele nostre bele tradizioni triestine… de ieri, de ogi e de sempre!
E per l’ocasion, per l’apunto, pe’ na volta scrivo tuto el testo in dialeto (se a qualcuno non di trieste puo’ interessare questo articolo, lo scriva pure nei commenti; sara’ mia cura provvedere subito a realizzarne una versione in italiano).

Dunque, ogi ve ofro un picio ricordo dei nostri veci... un ricordo de tanti inverni 'ssai duri (no xe più le bore de na volta!).
Fin ai anni '60 (ma in certe case adiritura fin ai '80), co' vigniva 'ssai fredo e bora, i nostri veci doprava el "pluzer".

El pluzer iera na butilieta de teracota (o anca ceramica, opur fero smalta') ripiena de acqua 'ssai calda.
Gaveva un manigo a rincela, opur retangolar, e oviamente un tapo per serar la butilieta.

Po sto pluzer vigniva conza’ soto le coverte del leto, perché na volta -"co' ierimo putei"- el riscaldamento autonomo ‘l iera un sogno... e se no se gaveva spargher o stùa granda in maiolica, se se doveva rangiarse in qualche modo. altrimenti, con tuta la zima che iera in alora, se ris’ciava de ciapar malani, anca rognoseti, tipo broncopolmoniti.
Cussì i ga inventado, 'ssai anni fa, sto metodo che ‘l ga la stessa origine tedesca del termine ("Pluzzer", termine dialetal gnoco che 'l significava, originariamente, "zucca").

El pluzer se lo dopra anca per definir un teston (“te ga na testa granda... te ga un bel pluzer”, insoma dele some dei somari dela Somalia), ma el termine ormai el vien poco doprà... perlomen desso, in sti tempi moderni in cui Citavecia la ritorna a fiorir (e cussì gavemo citado anca el sempreverde Angelo Cecchelin)…

Desso xe cambiado, sti rimedi più no esisti... desso esisti le borse del'acqua calda per scaldar i leti.
Opur diretamente el calorifero, e po bon !

Ma el pluzer resta sempre un caro ricordo, tuto triestin !!!

Qui soto ve ofro un mio pupoleto... un pupoleto un poco vecio (el xe del 2013, ma 'l xe sempre bon, el xe tre volte bon... e nianca a la domenica l'onzi co' 'l baston!!).
pupoleto che ‘l ve mostra, più o men, na scena tipica de quei anni in cui, nei inverni veramente iazadi, iera ‘ssai comun doprar el pluzer. (come ormai ben save’, per visuali zar in grande el pupolo basta fracarghe de sora… tipo “fraca boton, salta macaco”, ala vecia… :D  )




Un saludo, ala prossima

   René

Nessun commento:

Posta un commento

Accetto tutti i commenti di tutti i visitatori. Richiedo solo un po' di sana "etichetta": niente volgarità gratuite, niente insulti, niente polemiche e/o insulti a sfondo politico/religioso/razziale.
Inoltre, devo approvare i commenti prima della pubblicazione sul blog, solo per evitare spam e troll.
Infine, in questo blog non sono graditi commenti anonimi, provocatori oppure offensivi. Esiste la libertà di opinione e critica alle tesi espresse ma la si esercita firmandosi (va bene anche un nick) e, come già detto poc'anzi, con educazione.