lunedì 12 aprile 2021

TRIESTE, IL TRAM E LA LUNA

 




Buondì, mularia mata...


Un mio pupolo, in realtà un poco vecchiotto (realizzato nell'anno 2000) e peraltro già postato, però qui è in alta risoluzione.


Come da titolo: Trieste, il tram e la Luna... e il resto sia poesia, e così sia sempre e per sempre!!! 💗


  René

VENEZIA, 1600 ANNI - PUPOLO MIO

 




Buondì, mularia mata...


Ok, non è Trieste, ma Venezia... però Venezia che compie gli anni: ben 1600 !


E per questo voglio omaggiare questa splendida città, con un mio pupolo vintage dell'ormai lontano 1999.


Un pupolo dell'epoca,  fatto a mano libera (le linee non proprio perfette, anzi) e con colori orripilanti, però il pupolo è veramente sentito!


Un abbraccio a Venezia ed un saluto anche a voi tutti.


    René

OMAGGIO ILLUSTRATO A SERGIO ENDRIGO - RITRATTO DI GIOVANE DONNA

 



 

Buondì.


Come da titolo, un mio omaggio illustrato ad un bravissimo cantautore italiano che, peraltro, era originario dei nostri luoghi, e che proprio con Trieste ebbe dei legami (ricordo il suo splendido brano omonimo "Trieste").


Sto parlando di Sergio Endrigo, il quale ci ha regalato pagine memorabili della canzone italiana.


Un paio di settimane fa, mi ero messo ad ascoltare proprio una delle sue canzoni più belle, e proprio durante l'ascolto mi era partita l'ispirazione per questo disegno, buttato giù in poco più di un'ora (di solito sono assai più lento).


Ecco quindi questo ritratto di giovane donna, a rappresentare la gioventù espressa nella canzone stessa. La gioventù con i suoi ritmi, i suoi ricordi e le sue vicissitudini, belle o brutte che siano, e che poi ci accompagnano lungo i percorsi delle nostre vite, a volte gioiosamente e a volte malinconicamente, nel continuo susseguirsi delle varie stagioni.

E quando c'è la Musica, c'è tutto, in un turbinio di suoni e colori resi immortali, come scolpiti nella pietra da mano divina!


Un saluto, alla prossima.


     René

venerdì 19 febbraio 2021

TRIESTE DORMI (UNA FRESCA BAVISELA) TRAILER 2021 by RENE'

 

Trieste, 27 Giugno 1944: il giovane pescatore Marino parte di notte dalla Sacchetta, per raggiungere con la sua barca il mare aperto e poter così svolgere il suo mestiere.

Sulla terraferma, la sua amatissima fidanzata Serena lo aspetta con trepidazione ed un filino d'inquietudine, poiché son giorni terribili per la città ormai sotto il controllo dei tedeschi e ripetutamente presa a bersaglio dai bombardieri angloamericani.


In questa notte di inizio estate, quando anche gli orrori della guerra sono per il momento silenti come il mare, Marino farà un incontro straordinario che cambierà per sempre la sua vita e quella di Serena.





   René

giovedì 18 febbraio 2021

UNA GIORNATA AL MARE: DALLA SPIAGGIA DI GRIGNANO FINO A SISTIANA (TRIESTE, 1996)

 




 

Bondì, mularia mata...


Oggi vi presento questo mio pupolo/fumetto ambientato sulla Costa dei Barbari a Trieste, a fianco dell'Hotel Europa, nel 1996. Quello in cima allo scoglio, con la felpa, sono io a 18 anni che guardo il tramonto sul mare.


Sì, era un pomeriggio di fine estate del 1996, ed io ed un mio amico ci eravamo volutamente staccati da una piccola compagnia sulla spiaggetta subito dopo Grignano (volevamo far loro uno scherzo, visto che lui ed io avevamo solo 16 e 18 anni). Proseguendo via mare, incuriositi sempre di più, continuammo il percorso decisi ad arrivare a piedi fino a Sistiana. Il percorso non fu agevole, in quanto la costa non è tutta spiaggette, ma anche e soprattutto massi e scogli. Però era divertente percorrere quell'insolito tragitto, cercando di sfidare la natura.

Alla fine, dopo un'ora e mezza di camminata (finendo in più punti con le caviglie letteralmente in acqua) arrivammo all'allora abbandonatissimo Hotel Europa. Volevamo continuare, decisi a raggiungere quella meta, in quel momento molto vicina, che mai avremmo pensato di poter raggiungere via mare.

Purtroppo, però, fummo "fermati" da un muraglione di cemento posto vicino a questo hotel, come detto allora abbandonato e malmesso. Ricordo il mare che si increspava (stava giungendo un temporale) e le sue bianche e rumorose spume che picchiavano selvaggiamente, come boxeur d'altri tempi, i piccoli marciapiedi dell'hotel e gli scogli. Un passante in tuta da ginnastica che faceva jogging con il proprio cane e tutt'intorno un'aura quasi poetica, seppur decadente.

Dinnanzi a noi, questo vetusto hotel che svettava ancora imponente, ma stanco e solo, mentre noi, rimirando il mare sempre più arrabbiato, ci cullavamo silenziosamente nei nostri pensieri giovanili, fatti di cuori ardenti che battevano fortissimo per belle ragazze, di scampagnate assolutamente spensierate ed una sana gioia di vivere e scoprire il mondo che allora per noi era ancor tutto da scoprire.


"Una giornata al mare, solo e con mille lire. Sono venuto a vedere quest'acqua e la gente che c'è, e il sole che splende più forte e il frastuono del mondo cos'è"...


René

venerdì 18 dicembre 2020

TRIESTE 1944 - UN GIORNO DI PIOGGIA


 Buondì, mularia mata...


Un mio nuovo pupolo fumetto. 


Siamo a Trieste, nella seconda metà del Giugno 1944. Una brutta estate, segnata dall'occupazione nazista e dai bombardamenti angloamericani (notare sullo sfondo il piccolo rifugio antiaereo).

In primo piano, troviamo la dolce ma triste Serena, mentre torna a casa dalla madre, con in borsa qualcosina da mangiare. 

La vita è difficile, con Serena che ha perso il lavoro dopo l'incursione aerea del 10 Giugno scorso: bombardamento tragico, che ha in gran parte distrutto lo jutificio dove lei prestava servizio come segretaria.

Persino l'ufficiale tedesco poco distante sembra essere stanco di questa #guerra, ormai sempre più disastrosa per tutti.


Intanto le giornate scorrono, come la pioggia, lenta ed incessante, sperando che i raggi di sole futuri possano illuminare una Trieste migliore.


      René

mercoledì 11 novembre 2020

TRIESTE A FUMETTI: LA NASCITA DEI SOGNI

 

Buondì, mularia mata...


Vi chiederete del titolo un po' strano.

No, non è strano. Per me, poter disegnare la mia Trieste, trasportandola dalla realtà sulla carta, è un piccolo, grande sogno realizzato, seppur solamente per hobby... o quasi, dal momento che comunque faccio mostre qua e là, ogni tanto (riuscendo pure a realizzare qualche collaborazione con varie realtà locali e non).

Ultimamente sto realizzando un fumetto scem... ehm, goliardico, ambientato proprio qui in città. In realtà, una miniserie con brevi tavole autoconclusive.

Questa che vi propongo in due parti, sarà la vignetta d'apertura. Ho voluto riprodurre la chiesa di Santa Maria Maggiore e la vicina basilica trecentesca di San Silvestro, perché è un luogo che amo, ma che solo due volte ho disegnato (quasi vent'anni fa, ormai, nel fumetto dell'Omo Vespa).

La prima immagine è l'abbozzo, fatto quasi interamente con Trattopen, pennino di china e righello, ma alcune parti sono state realizzate precedentemente a matita. I pastelli servono solo per i toni grigi, nel finale. Comunque, in generale il tutto è fatto a mano libera.

E' sempre emozionante far nascere la mia città da un semplice foglio di carta:




Qui sotto, invece, il disegno pronto e fatto. Cosa ve ne pare? (accetto anche critiche)






 

Al più presto vi aggiornerò su questa miniserie, che appena sarà pronta verrà ovviamente pubblicata qui nel blog.


Alla prossima, ciao.


    René