lunedì 17 dicembre 2012

DOROTHY, UNA ROBOT "NACICI" TUTTA TRIESTINA !



Tre leggi della robotica



1)   

Un robot non può recar danno a un essere umano

né può permettere che, a causa del proprio mancato intervento, un essere umano riceva danno.     



2)     
Un robot deve obbedire agli ordini impartiti dagli esseri umani,
purché tali ordini non contravvengano alla Prima Legge.

3)    
Un robot deve proteggere la propria esistenza,
purché questa autodifesa non contrasti con la Prima o con la Seconda Legge.



Isaac Asimov (Petroviči, 2 gennaio 1920 – New York, 6 aprile 1992)

 
 *****************************************************

Bondì, mularia mata...

Tanto tempo fa (inizi di gennaio 1998), un dottore (che più che dottore era uno scienziato pazzo, di quelli usciti dai film comici) chiamato Gibus, elaborò il primo androide cibernetico "senziente", cioè in grado di pensare, agire e parlare come un qualsiasi essere umano.
In realtà, tale automa gli fu commissionato da una tipa che desiderava avere una cameriera tuttofare pratica e non costosa.
Quindi, il dott. Gibus, per accontentare la tipa, costruì questo vero e proprio androide ad immagine e somiglianza della richiedente. Stesso viso, stessi capelli e stessa statura !
Per i vari legamenti del corpo si ispirò direttamente all'automa cavaliere, creatura del grande Leonardo Da Vinci, citata nel "Codice Atlantico"  scritto dallo stesso scienziato, artista, inventore.
Una forma di vita artificiale, dotata di un sofisticatissimo cervello positronico e di parti del corpo composto sia da parti sintetiche, sia da tessuti organici.

Nacque, così, DOROTHY (nome ispirato a quello della tipa, che si chiama Dora), la prima "nacici robot", utile come cameriera tuttofare !!!!

La "nacici" è un particolare tipo di squinzia triestina, tipicamente triestina, come spiegato, a suo tempo, dal Chiar.mo Prof. Pier A. Complicatti, (Professore Straordinario di Filosofia del linguaggio Università Online Tergeste) e dal noto biologo - catalogatore dell'avifauna tergestinica, Dott. Diego Manna (Monon Behavior Research Study La Luce Please) !...
 
 Nel mio pupolo sottostante, potete vedere la Dorothy robot durante una sua posa plastica:


 Tutto iniziò alla fine dell'estate 1997, quando una squinzia di nome Dora, stufa e strastufa di dover riassettare la casa, far lavatrici e sbattere i tappeti, pensò che fosse giunta l'ora di assumere una cameriera.


Poco tempo dopo, Dora lesse sul giornale un trafiletto di un certo "Dott. Gibus 4°" (discendente di un noto autore di canzonette triestine di inizio secolo), il quale si autopubblicizzava come un grande inventore, primo sviluppatore al mondo di androidi similissimi in tutto e per tutto all'uomo.

Ad un primo momento, Dora, pensando ad uno scherzo di carnevale fuori stagione, sorrise e continuò la lettura del quotidiano. Poi, colta da un pensiero tipo "però, con quello che costano oggi le cameriere, forse... ", tornò su quell'apparentemente buffo annuncio, per trascrivere il numero di telefono dello strano inventore.
La sera stessa, Dora telefonò a questo Dott. Gibus, chiedendogli se fosse possibile costruire una cameriera robot.
Il dottore rispose affermativamente, confermando che non solo era possibile costruire ciò, ma che la cameriera robot poteva essere esteriormente modellata sulle fattezze della Dora originale !

In seguito, avuta una foto di Dora, il pazzo dottore  iniziò subito a mettersi al lavoro sul nuovo automa.

Finalmente, il giorno 11 gennaio 1998, la cameriera robot era pronta. Perfetta in ogni dettaglio ed esteticamente simile in tutto e per tutto alla Dora umana: stesso viso, stessi capelli e stessa statura !!!  

Inutile dire che il dott. Gibus era con il morale alle stelle (anche se bisogna dire che la primissima versione della Dorothy robot conteneva alcuni piccolissimi difetti strutturali di fondo, poi eliminati con il restyling dell'androide, eseguito nella primavera del 2003)... non credeva al suo unico occhio quasi sano; un androide senziente, similissimo ad un essere umano, nel 20° secolo !!! Fino a quel momento, solo i film di fantascienza erano riusciti a "creare" dal nulla una cosa di questo genere !
In seguito, a metà del 21° secolo, il robot Dorothy verrà disattivato e abbandonato. Verrà poi ritrovato e riattivato nel futuro, precisamente nell'anno 2401 (25° secolo), ma questa è un'altra storia.
Nel mio pupolo sottostante, potete vedere il quasi esimio dott. Gibus 4°:

  
Una fredda sera del 18 gennaio 1998, dopo aver preso precedentemente un appuntamento, Dora giunse allo studio del Dott. Gibus 4°, sito a Trieste in via Palestrina 1, sopra l'Osteria ai Cavai !


Dora fu accolta dal dott. Gibus, e non appena lo vide dovette mordersi la lingua per non ridere a crepapelle alla vista di quel pazzoide incredibile !!
Però, un istante dopo, quando il dottore presentò la cameriera robotica, i sorrisi trattenuti di Dora lasciarono lo spazio a sentimenti di sincero stupore ed incredulità !...


Dora, per l'appunto, non credeva ai propri occhi... un automa senziente, come quelli da lei visti solo nei film di fantascienza. E per di più uguale in tutto e per tutto a lei stessa... come se la cameriera robot fosse una sorella gemella ripiena di fili e transistor !!!...


L'automa "cameriera", per discostarsi dalla sua padrona umana, fu chiamata "DOROTHY"...    

Dorothy, era così pronta per la sua missione !

Qui di seguito, vi fornisco i dati tecnici dell'androide Dorothy:





Nome: DOROTHY ROBOT

Classificazione: Androide di tipo "Actroid- DER 1"

Data di costruzione: 11 gennaio 1998 (Calendario Gregoriano)

Restyling meccanico/estetico: 29 aprile 2003

Funzionalità: Androide progettato per uso domestico.
Androide programmato per aiutare gli umani in tutte le faccende di casa e non. Uso della parola mediante trasduttore vocale implementato nella struttura.
Notevole possibilità di elaborazione del pensiero, grazie ad un sofisticatissimo microprocessore positronico di intelligenza implementato nel cervello, anch'esso positronico. 
Ampia mobilità di arti superiori ed inferiori.

Progettazione: Progetto Robotico di Classe A, ideato e sviluppato dal dott. Gibus 4°(Trieste), seguendo i progetti originari (anno 1495) dell'Automa Cavaliere di Leonardo Da Vinci, conservati nel "Codice Atlantico"   


E questa è la storia... ma... non tutto andò per il verso giusto.
Infatti, grazie all'elevata capacità di Dorothy nel formulare pensieri propri, riuscendo anche ad emozionarsi (grazie a dei pattern sensoriali attivati dai percorsi neurali compiuti nel suo cervello positronico), la "nacici" robot non volle mai saperne di assecondare la sua padrona umana.

Dorothy, quindi, è anche il primo robot donna a volersi emancipare !

Da allora, per anni frequenti e notevoli sono stati gli scambi di battute (spesso e volentieri litigiosi) tra Dora e Dorothy, come si può notare, ad esempio, in questo mio pupolo sottostante (cliccare sopra lo stesso per visualizzarlo a tutto schermo):


  
Come scritto poco più sopra (nella scheda tecnica dell'androide), nella primavera del 2003 Dora decise di tentare una riprogrammazione di Dorothy, al fine di renderla più forte e resistente, ma soprattutto obbediente.
Così, contattato il Dott. Gibus 4°, ebbe inizio il restyling totale di Dorothy.

Il risultato finale fu... catastrofico: Dorothy, pur restando sotanzialmente la stessa in alcune parti estetiche, si trasformò in una via di mezzo tra Rambo e Terminator!!!
Venne pure dotata di armi a scomparsa... mini razzi, pistole semiautomatiche,modernissimi  fucili di precisione, piccoli mitra, bombe a confetto e tantissime altre cose simpatiche che, per l'appunto, quando non vengono adoperate (beninteso, solo per legittima difesa in caso di pericoli e/o situazioni estremamente critiche) restano nascoste all'interno del corpo robotico di Dorothy.

Qui sotto la nuova Dorothy del 2003 (cliccare sul pupolo per ingrandire) :


 Come nuovo robot cameriera-Rambo, la new Dorothy si è spesso scontrata con rivali in bellezza... ad esempio, una volta, nell'estate del 2004, per poco non fece fuori Elisa, pensando che quest'ultima, per l'appunto, fosse in realtà un robot antagonista in bellezza:



Anche in tempi recenti, le solite diatribe tra la Dora reale e la Dorothy robot non sono certo finite, anzi... (click sui disegni per ingrandirli) :


















 


Non molto tempo fa, proprio su questo blog avevo pubblicato (e mo' la ripubblico di nuovo) questa vignetta, la quale ci mostra uno scambio di battute delle nostre due eterne contendenti, a proposito della crisi e delle tasse nell'era Monti (sempre cliccare sul pupolo per visualizzarlo a tutto schermo) :


  
Poi, alla sera... stesso iter !
La padrona ha voglia di uscire ?  Esca pure, tanto... Dorothy robot sicuramente NON si darà da fare per mantenere pulita e in ordine la casa (vedere pupolo sottostante, cliccandoci sopra per visualizzarlo grande come un linziol) :

(Click sul disegno per ingrandire)

Finalmente un robot donna che si vuole emancipare, per poter dire "ghe son anca mi" ! VIVA LE PARI OPPORTUNITA' !!!

Un altro dei luoghi tipici dove poter incontrare una cameriera robot, assieme alla sua padrona umana, è sicuramente un baretto scrauso di frontiera, sito a Trieste nel rione di Gretta, sulla strada che dalla chiesa porta verso il Faro della Vittoria... e tale baretto di frontiera, culla delle anime perse, è noto con l'avventuroso nome di "Bar Mocambo"... 


All'interno del Bar Mocambo, immancabile è il pianista esotico... alias Paolo Conte !!!





Nonostante il netto "NO" della sua padrona, Dorothy è intenzionata a creare un nuovo concorso all'interno dell'annuale "Olimpiade delle Clanfe" ( vedi dettagli qui: FRACHE' QUA  )... un concorso per votare ed eleggere "Miss Clanfa". Ovviamente, Dorothy vorrà vincere tale concorso, poiché sin da quando venne attivata ha sempre desiderato diventare la prima miss non umana !
Alcuni anni addietro, pur di partecipare al noto concorso di "Miss Italia", Dorothy non esitò a farsi passare come pezzo di ricambio del Fiat Doblò che trasporta le concorrenti dagli alberghi alla sede del concorso !!
E, ultimamente, provò pure ad iscriversi all'altrettanto nostrano concorso "Miss Topolini", con scarsi risultati (come si può vedere nel pupolo qui sotto, continuando ancora a cliccarci sopra per visualizzarlo bene) ...

 

Insomma (delle somme dei somari della Somalia), come andrà a finir la singolar tenzone tra la donna umana ed il suo doppio robotico?

Ai triestini l'ardua sentenza !!.........  

Dorothy nacici robot, perché il futuro è adesso !

      René 

2 commenti:

Fabrizio Melodia ha detto...

ahahahahahahah troppo divertente... bravissimo e bravo pure che hai disegnato cosi tanto... :D

René ha detto...

Grazie!
Alcuni disegni sono più recenti, aggiunti in update, dopo la pubblicazione del post, perché non ero riuscito a finirli prima (colpa mia... avrei dovuto prima terminarli tutti, e poi postare il tutto, ma vabbè... sono sempre stato sregolato).
Questa era una mia trovata fumettistica di tanti anni fa; pensavo di farne un fumetto, ma poi ho creduto che rendeva meglio come post a vignette, così, tanto per ficcare nel blog una "monada". Mi divertiva l'idea di un robot femmina che, in tempi di quote rosa, vorrebbe essere indipendente proprio come se fosse una donna in carne ed ossa.
Un saluto.

Posta un commento

Accetto tutti i commenti di tutti i visitatori. Richiedo solo un po' di sana "etichetta": niente volgarità gratuite, niente insulti, niente polemiche e/o insulti a sfondo politico/religioso/razziale.
Inoltre, devo approvare i commenti prima della pubblicazione sul blog, solo per evitare spam e troll.
Infine, in questo blog non sono graditi commenti anonimi, provocatori oppure offensivi. Esiste la libertà di opinione e critica alle tesi espresse ma la si esercita firmandosi (va bene anche un nick) e, come già detto poc'anzi, con educazione.